logo SNEC
Direttore: Pennasso Don Valerio
Via Aurelia, 468 00165 Roma
06 66398455
06 66398445
cerca nel sito
Una chiesa al mese
Un libro al mese
Area riservataper gli incaricati diocesani



 Home page - Un libro al mese - L'Architettura del Battistero. Storia e progetto 
L'Architettura del Battistero. Storia e progetto
Andrea Longhi» Leggi l'intervista al dott. Luigi Bartolomei
"Dove inizia il cammino cristiano" 

 
22/05/2014
22/05/2014
22/05/2014
22/05/2014
22/05/2014
 
 

22/05/2014
Titolo: “L'Architettura del Battistero. Storia e progetto”
Autori: Andrea Longhi (a cura di)
Editore: Skira, 2003
Numero pagine: 264
Prezzo: 32,00 euro
 
22/05/2014
Il battistero come luogo che è propriamente “porta di ingresso”  nella Chiesa, con tutti i valori simbolici, teologici, liturgici che questo comporta. L'evoluzione storica delle architetture che lo monumentalizzano rendendolo segno e memoria, quali espressioni del cammino che l'autocomprensione delle Chiese ha attraversato nel corso del tempo, e quale materia su cui ragionare per concepire i battisteri da progettare o riprogettare oggi.
 


 
22/05/2014
Si tratta di un lavoro a più mani voluto dalla Conferenza Episcopale Italiana e coordinato da Andrea Longhi, docente al Politecnico di Torino e collaboratore della CEI, estensore di uno dei testi contenuti nel volume. Gli altri testi sono filmati da:
Gaetano Barracane, che è scomparso nel 2012 dopo essere stato per lunghi anni direttore dell'Ufficio Arte Sacra della diocesi di Bari e direttore del Museo Diocesano della città.
Mons. Fabrizio Capanni, Aiutante di Studio del Pontifico Consiglio della Cultura, già Officiale della Pontificia Commissione per i Beni culturali della Chiesa.
Cecilia Castiglioni, architetto, dottore di ricerca in Storia e critica dei beni architettonici e ambientali, studiosa dell'architettura dei secc. XVII e XVIII.
Don Luigi Cervellin, responsabile del settore Arte Sacra dell'Ufficio Liturgico di Torino e direttore del locale Museo Diocesano.
Claudia Conforti, docente di Storia dell'Architettura alla facoltà di Ingegneria di Roma Tor Vergata,
Fra Lamberto Crociani, o.s.m., liturgista e storico dell'arte, docente al Seminario di Siena e all'università di Firenze.
Paolo Demeglio, archeologo, dottore di ricerca in Archeologia e antichità postclassiche, Università del Piemonte Orientale.
Marco Frati, docente di Storia dell'architettura e della città all'Università di Firenze.
Don Vincenzo Gatti, direttore dell'Istituto d'arte per la decorazione e l'arredo della scuola Beato Angelico di Milano.
Mons. Guido Genero, liturgista, Seminario arcivescovile di Udine, già direttore dell'Ufficio Liturgico della C.E.I.
Fra Silvano Maggiani, o.s.m., docente di Teologia liturgico-sacramentaria alla Pontificia facoltà Marianum e al Pontificio Ateneo Sant'Anselmo di Roma.
Carlo Ostorero, ingegnere, ricercatore e professore aggregato al DISEG -Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica.
Past. Franco Scaramuccia, saggista, pastore battista, già Presidente dell'Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia.
22/05/2014
«In analogia strettissima con la corrispondenza tra ciò che si celebra e ciò che si crede (secondo l'indiculus di Prospero d'Aquitania: “legem credendi lex statuat supplicandi” - la regola del pregare stabilisca la maniera del credere ), ci si può aspettare che l'architettura e l'arte segnino e interpretino correttamente l'azione rituale del battesimo, in modo tale che dalla lex orandi scaturisca una coerente ratio aedificandi. A tale impegno sono ora chiamate tutte le forze della Chiesa e dell'arte, dal momento che la preparazione, la celebrazione e le conseguenze del battesimo cristiano sono fondamentali per il significato stesso del Vangelo inserito nella nostra storia e diventato elemento e realtà qualificante, sia nel contesto del movimento ecumenico, sia per la serietà del dialogo interreligioso».  (Da “Introduzione. Memoria e sperimentazioni” di Guido Genero)
 
 
22/05/2014
«Il battesimo è un rito di passaggio: anzi, per un cristiano è il rito di passaggio per antonomasia» così Claudia Conforti comincia la sua Prefazione ove in breve sintesi dà conto di alcuni tra i battisteri antichi più importanti italiani di questi notando la  configurazione a pianta centrale in prevalenza ottagonale, analoga a quella del sepolcro. Notando poi che col Concilio di Trento a questa si sostituirà l'allestimento a battistero della prima cappella a sinistra nella chiesa: un passaggio importante che forse tuttavia porta a una certa “opacità espressiva”. La Conforti conclude con una citazione di alcuni dei battisteri progettati da Giovanni Michelucci, secondo diverse configurazioni esperite «nell'intento di temeperare l'irruenza espressiva del mondo contemporaneo con la pregnanza simbolica del millenario messaggio battesimale».
 
All'Introduzione di Guido Genero è lasciato il compito di accennare all'evoluzione del rito nella storia e all'interrelazione tra questa e il luogo destinato a ospitarlo: dall'immersione rituale nel flusso di un fiume allo stanzializzarsi in architetture prima adottate e adattate da edifici esistenti (una stanza nella domus ecclesiae) e quindi appositamente studiate, con i relativi oscillamenti dovuti al prevalere del battesimo degli adulti alle origini, quindi al suo estendersi fino quasi a limitarsi al battesimo di neonati. Per approdare alla ripresa di interesse in questi anni recenti per la tematiche del battesimo a conseguenza del processo di secolarizzazione in Occidente e all'evolversi delle strategie missionarie: «All'aprirsi del terso millennio ci è possibile operare delle sintesi efficaci di carattere antropologico, storico, teologico, liturgico, architettonico e iconologico sulla sede propria dell'azione battesimale e, nello sesso tempo, aprire la trattazione di un capitolo inedito, nel quale misurarsi con le sfide attuali e future».
Così si focalizzano le tematiche architettoniche e relative al rito che saranno riprese da diversi Autori nei loro successivi contributi.
Il testo di Vincenzo Gatti si dipana a partire da come l'acqua, “segno di morte e di vita”  compare nella vicenda biblica e come queste si legano all'iconografia cristiana nel corso della sua storia. Gatti nota che anche per il battesimo il rito si vada precisando nel tempo, e in modi variati a seconda dei luoghi. «Nei primi secoli cristiani, il rito del battesimo comportava la spogliazione completa del catecumeno e la sua immersione totale nell'acqua» di qui le dimensioni grandi e anche la forma, influenzata dal portato simbolico: «in un battistero ottagonale o quadrato poteva essere inserita una vasca rotonda o a quadrifoglio, ottagonale, rosacea o stellare, o più semplicemente circolare, quadrata o rettangolare; talora la vasca riprendeva la stessa forma della croce...».
 
In età moderna soggetto del battesimo è nella stragrande maggioranza il bambino, portato dalla fede dei genitori, ma in un contesto culturale in cui il senso dei segni di solito non è di immediata leggibilità neppure per gli adulti. Gatti propende oggi per la collocazione del battistero entro l'aula, in relazione diretta con l'ambone così da ricordare il suo legame con l'annuncio della parola e come memoria dell'adesione a questa data da ogni credente.
Paolo Demeglio indaga gli aspetti archeologici da cui si desume l'evoluzione del rito dalle origini all'alto medioevo. In questo periodo i battisteri sono quasi esclusivamente collegati ai complessi episcopali e, a partire dall'era costantiniana sorgono anche quali edifici autonomi. In Italia più che in altri paesi si diffonde la tradizione del battistero separato dalla chiesa. Esso, per via della propria monumentalità assume una presenza rilevante nel contesto urbano, ma la sua posizione rispetto alla chiesa è variata: può trovarsi in vicinanza dell'abside, lungo i muri perimetrali o di fronte alla facciata. «Sulla base della documentazione sinora disponibile, la posizione assiale sembra essere quella più diffusa, soprattutto in Italia settentrionale e a partire dagli ultimi decenni del IV secolo».
 
Gaetano Barracane si interessa dei rotoli dell'Exultet, le pergamene decorate con immagini neo o veterotestamentarie i cui testi erano declamati durante la veglia pasquale, momento specificamente deputato all'amministrazione del battesimo in antichità. Essi constano di due parti: l'esordio, che comincia con la parola “Exultet” annuncia il giubilo che si propaga nelle schiere degli angeli per la resurrezione, e il prefazio che ricorda la Pasqua ebraica, la colonna di fuoco che seguiva i figli di Israele, il passaggio del Mar Rosso e canta infine la resurrezione di Cristo.
 
Carlo Tosco tratta dell'evoluzione dal battistero, quale luogo estero alla chiesa, al prevalere della positura del fonte battesimale all'interno del perimetro della chiesa stessa. «Appare chiaro che la fine del battistero non è segnata da una sola causa, ma coinvolge diversi aspetti liturgici, istituzionali e sociali, diventando un punto di osservazione privilegiato per comprendere il tramonto della religiosità medievale». All'inizio i battisteri, oltre al battesimo ospitavano anche altre funzioni quali il culto dei martiri o l'accoglienza di sepolture privilegiati, talché divenivano mete di pellegrinaggi. Il rito nei primi secoli era complesso e articolato e comportava oltre al battesimo degli adulti anche la confirmatio (cresima) e la prima comunione. In età romanica si diffonde il battesimo dei bimbi e lo sviluppo dell'economia mercantile e l'espansione delle città porta spesso alla soppressione di questi edifici separati dalla cattedrale, mentre le funzioni ivi esercitate si spostano all'interno della basilica.
Esempio di questa evoluzione: la cattedrale di Nevers in Borgogna. Edificata all'inizio del VI secolo, di fronte a essa furono posti un battistero ottagonale e una seconda più piccola chiesa. Nel secolo XI la cattedrale fu ricostruita e il battistero e la chiesetta furono conservati fino a quando nel 1211, a seguito di un incendio si dovette procedere a una nuova ricostruzione: in quest'occasione chiesetta e battistero furono demoliti. Non se ne sentiva più la necessità.
 
Mario Frati tratta dei battisteri medievali in ambito plebano, indagandone tipologie e strutture, in particolare in relazione alla loro forma geometrica e al significato di questa. Se prevale la forma ottagonale, non mancano anche diverse altre tipologie, a dimostrazione dell'assenza di una singola forma dell'architettura – ma anche della vasca – che univocamente e ovunque significhi il battesimo.
 
Andrea Longhi si chiede perché sia tanta la monumentalità di battisteri nelle città dell'Italia dei Comuni (XII-XIV secolo). E trova risposta nell'idea che il battistero divenga il centro dell'identità civica, quale luogo nel quale indistintamente tutti compiono il loro percorso iniziatico.

Longhi nota come in questo periodo «la vasca centrale nella generalità dei casi è posta al di sopra del livello del pavimento», mentre in precedenza, onde esemplificare la discesa nel sepolcro e la resurrezione da esso, i fonti erano a un livello più basso. Dal Trecento in poi non si edificano più edifici separati per il battesimo.
Cecilia Castiglioni prende in considerazione il periodo barocco che caratterizza l'epoca post-tridentina, durante la quale è prassi comune dedicare al battesimo una cappella prossima all'ingresso della cattedrale o della chiesa parrocchiale.
 
Nelle Instructiones del Borromeo si specifica che tale cappella dovrebbe andare alla sinistra di chi entra in chiesa. In quest'epoca spesso la vasca è coperta e nobilitata da un ciborio  o almeno con un coperchio decorato. Mentre il fonte è decorato con scene di Giovanni  Battista e del battesimo nel Giordano.
Dall'eclettismo e dal suo tentativo di riassumere il portato della storia in forme contemporanee ai nostri giorni, Carlo Ostorero si pone di fronte alla ricerca operata nel tempo del movimento liturgico e ai diversi esiti conseguiti in un periodo in cui al tentativo di innovazione si aggiunge quello di ritrovare un forte radicamento nelle origini del rito. Così ecco comparire fonti battesimali quali quello di Manzù alla Chiesa Rossa a Milano, in cui l'essenzialità geometrica della forma non è esente da richiami alla tipologia barocca del battistero con coperchio monumentale.
 
Mentre Giuseppe Vaccaro nella chiesa di Sant'Antonio Abate a Recoaro Terme ripropone il battistero come elemento non separato, ma emergente dal volume della chiesa, sul lato sinistro dell'ingresso, come da Instructiones borromaiche, e a pianta ottagonale, come da tradizione ambrosiana.
La rifondazione del battesimo nel post concilio Vaticano II: di questo parla Silvano Maggiani il quale richiama come la Sacrosanctum Concilium abbia espresso chiari orientamenti per ristabilire il catecumenato degli adulti (SC 64), riformare il rito battesimale (SC 63-70), rivedere il rito della confermazione “perché appaia più chiaramente la sua intima connessione con tutta l'iniziazione cristiana” (SC 71). Dai due modelli di programmi rituali, lex orandi e lex credendi, scrive Maggiani, «è possibile trarre delle conclusioni orientatrici che non solo riguardano il senso teologico dell'iniziazione cristiana, ma contengono anche preziosi dati per comprendere come la vasca battesimale deve ritrovare la sua spazialità modificata in luogo, come il luogo possa diventare battistero e come, alla luce anche della storia delle basiliche, il luogo battesimale incomincia a essere nuovamente pensato in più luoghi, tenendo conto che è in atto nelle chiese particolari la riscoperta del catecumenato e del processo iniziatico nel suo Programma di modello originario e autentico: l'iniziazione cristiana per gli adulti».
 
Nell'esaminare come viene interpretato il battistero nelle chiese contemporanee, Paolo Mauro Sudano prende in considerazione in particolare l'opera di Glauco Gresleri e di Giovanni Michelucci, due tra i maggiori architetti di chiese dei nostri giorni. Greleri, spiega Sudano, ha lavorato sopratutto sul tema dell'aula unitaria in cui il fonte si pone in forte correlazione con gli altri poli liturgici; mentre Michelucci, che nella sua età matura ha indagato in particolare il modello della chiesa-tenda, ha privilegiato la collocazione del battistero in una condizione di autonomia spaziale, quale inizio di un percorso che genera lo spazio della chiesa.
 
Nel caso della notissima chiesa dell'Autostrada, dedicata proprio a San Giovanni Battista, Michelucci pone il battistero in un ambiente che emerge nel volume dell'edificio in posizione contrapposta a quella dell'altare, ma senza alcuna connessione di prossimità o visibilità con questo; il fonte è in posizione ribassata ma entro un volume dalla forte tensione ascensionale. Il volume della chiesa come i suoi percorsi interni sono molto articolati, a volte tortuosi. Di contro Gresleri, spesso insieme con Silvano Varnier, ha firmato diversi progetti di chiese basate sulla massima semplificazione formale che giunge a un minimalismo tale da lasciare che sia sempre e solo l'azione liturgica a parlare, non l'architettura in quanto tale.
 
Esempio: l'impianto planimetrico della chiesa di Gesù crocifisso di Vajont è un quadrato col battistero posto dietro al presbiterio, visibile da fuori attraverso una vetrata, nascosto all'assemblea grazie alla sua posizione ribassata.
Non una serie di riti che per tappe graduali portano alla “perfetta illuminazione”, bensì un unico percorso che include il bagno sacramentale, la crismazione e il banchetto eucaristico: questo il tema esplorato da Lamberto Crociani. «Questo itinerario misterico è legato da un unico filo conduttore – reale e simbolico allo stesso tempo – che è la luce, per cui l'iniziazione è illuminazione nella sua pienezza sacramentale  partire dallo illuminatorio, come altresì si chiamava il battistero. Luogo della luce in cui gli iniziandi passavano dalla notte/peccato alla luce/grazia con un reale movimento simbolico che conduce alla piena partecipazione della vita divina, divenendo icona della Santa Trinità». Le diverse tipologie di battisteri costruiti nei diversi momenti, mantengono sempre il senso di luogo destinato a portare alla luce.
 
Vi è incertezza su come oggi interpretare il luogo del battesimo. Crociani riferisce di due casi di chiese recenti in cui a pochi anni di distanza il battistero è stato spostato. Ne discende che è tempo di rivedere il tema dell'iniziazione, intesa nella completezza del suo percorso attraverso una rifondazione dei tre sacramenti «Attraverso l'edificio e la sua iconografia si potrà rendere viva la “memoria” dell'evento primo. Pertanto la progettazione degli edifici [battistero – (consignatorio?) - aula eucaristica] dovrà essere pensata insieme con un sapiente incrocio di linee e di immagini, che esprima la complessità e la bellezza del percorso».
E di tale espressione tratta Fabrizio Capanni, parlando della decorazione del battistero. Pur in assenza di una iconografia canonizzata, vi sono temi ricorrenti che riguardano non solo l'ornamento ma la struttura stessa del luogo.
 
Questi compaiono già nella domus di Dura Europos, dove sull'arcosolio sopra la vasca battesimale sta l'immagine del buon pastore, ai cui piedi si trovano due figurine nude che colgono frutti da un albero acanto al quale striscia il serpente: nel complesso, la figurazione di Cristo che trionfa sul peccato e guida i fedeli alla vita spirituale. Il tema della resurrezione, accompagnato da tante altre immagini che esprimono la vita e alludono al Paradiso è presente in molti altri battisteri antichi mentre l'episodio del battesimo di Cristo, già presente in molte catacombe, compare tra gli altri a Ravenna nel battistero Neoniano o degli Ortodossi, e in quello degli Ariani tra la fine del V e l'inizio del VI secolo: «Il valore trinitario delle composizioni ravennate è dato dal porre su un'unica linea verticale Cristo. La colomba dello Spirito e il Padre che si intuisce solo, perché invisibile».
 
Nell'alto medioevo, diffondendosi l'uso di battezzare i neonati, si diffondono anche i fonti battesimali, decorati, come nella vasca di San Giovanni in Fonte di Verona, con scene dell'infanzia di Cristo.
La parte centrale del volume si chiude con un testo di Franco Scaramuccia, sull'esperienza della Chiesa Battista in Italia. E compaiono immagini di battisteri adatti all'immersione degli adulti, realizzati in questi anni recenti. Scaramuccia sostiene che, come si usa nella sua Chiesa, «il battesimo dei credenti esprima nel miglior modo possibile e renda simbolicamente visibile in maniera inequivocabile l'ingresso della persona nel popolo di Dio in risposta alla Sua chiamata». Battesimo dei credenti ovviamente vuol dire non battezzare i bimbi, come s'usa nel mondo cattolico, ove sono i genitori a farsi carico dell'impegno dell'educazione nella fede, ma battezzare solo gli adulti consapevoli.
 
Dalla pratica rituale discende la forma e la collocazione del battistero nei templi battisti, dove il battistero è in posizione centrale e ben visibile da tutti i fedeli. Usualmente «si trova nella parte anteriore dietro il pulpito, nei templi in cui il pulpito è centrale e, laddove c'è un'abside, si trova al suo interno». E dove possibile si fa in modo che l'acqua sia corrente, per ricordare simbolicamente i passi biblici dove il Signore è descritto come “sorgente di acqua viva”.
Concludono il volume, un repertorio di fonti normative conciliari e postconciliari curato da Luigi Cervellin (vi sono incluse citazioni relative al battistero e al battesimo dal Concilio tridentino, alle Instructiones di Carlo Borromeo ai più recenti documenti in materia della Conferenza Episcopale Italiana) e un'ampia bibliografia, curata da A. Longhi e Angela Farruggia, che parte dai Quattro libri dell'architettura di A. Palladio (Venezia, 1570) a testi pubblicati nel 2002 quali l'Enchiridion dei beni culturali della Chiesa (Bologna, 2002)
 
 
22/05/2014
Nel volume si dispiegano contributi diversi, ognuno dei quali offre un'argomentazione sintetica su un tema (iconologia, storia, architettura, ritualistica, ecclesiologia, ecc.) che necessariamente in parte si sovrappone alle tematiche trattate da altri autori. Qui sta il pregio ma anche il limite di questo tipo di opere: ricchezza e articolazione di punti di vista; qualche inevitabile sovrapposizione.
Lo scopo di quest'opera non è di dire la parola finale sul tema del battistero, bensì di porre le basi, di mettere “carne al fuoco”, perché il dibattito possa approfondirsi ed estendersi. Non per giungere a una definizione unica su come possa concepirsi lo spazio del battesimo ai nostri giorni, ma per permettere a chi si trovi di fronte al problema di conservare, ristrutturare o progettare un battistero, di farlo con consapevolezza e con piena cognizione della profondità del tema, evitando il rischio della semplificazione e della superficialità.
Si può dire quindi che quest'opera raccolga una messe di contributi che analizzano lo “stato dell'arte” ben inquadrandolo entro la prospettiva storica, in ciò ponendosi come utile repertorio di informazioni, suggestioni e indicazioni derivanti dal magistero della Chiesa. Utile perché il dialogo tra committenti e progettisti è oggi reso difficoltoso da una carenza di orientamenti chiari e definiti non solo in campo architettonico, ma spesso anche in campo ecclesiastico. Come ha scritto Sudano,  “Al di là di ogni discorso teorico è necessaria una crescita delle comunità (nel ruolo di committenza colta) e dei tecnici chiamati a operare: il tema delle nuove chiese o degli adeguamenti dovrebbe restare nell'alveo degli eventi eccezionali, di quei lavori che per l'interesse collettivo andrebbero risolti nel miglior modo possibile”. Ora, per quanto attiene al battistero, luogo germinale della Chiesa, questo volume mette sul tavolo una certa quantità di materiali volti proprio a generare cultura. Starà alla sensibilità e all'avvedutezza dei fruitori saperli usare come fonte di ispirazione quando si trovassero di fronte al problema di restaurare, ristrutturare o progettare un battistero.
Il battesimo è il fulcro portante del dialogo ecumenico e quindi risulta significativa la testimonianza di un Pastore battista a conclusione del volume. Tanto più rilevante in questo momento in cui il tema del battesimo degli adulti si ripresenta con nuovo interesse, mentre la Chiesa Cattolica ritrova sempre più presente e pressante l'impegno missionario anche nei paesi in cui è da sempre radicata.
stampa paginasegnala pagina